All’inizio dell’invasione i russi distruggevano due scuole di Khar’kiv al giorno

Il Gruppo per la tutela dei diritti umani di Khar’kiv ha documentato numerosi attacchi agli istituti di istruzione della regione di Khar’kiv. La loro distruzione può riflettersi in modo determinante sullo sviluppo della regione.
Nykolaj Komarovskyj, Denys Volokha21 Luglio 2023UA DE EN ES FR IT RU

Коридор школи в Ізюмі. © Денис Волоха / ХПГ Le couloir d’une école à Izioum. © Denys Voloha / GDHK Коридор школы в Изюме. © Денис Волоха / ХПГ

Corridoio di una scuola a Izjum. © Denys Volokha / GPDU

Più di un anno fa, nelle scuole e negli asili della regione di Khar’kiv risuonavano le voci dei bambini, mentre nelle università ferveva un’attiva vita studentesca. In seguito all’invasione della Federazione Russa un considerevole numero di tali istituti è stato danneggiato. Alcuni di essi ormai non accetteranno più insegnanti e studenti — sono stati distrutti sino alle fondamenta. Singoli istituti sono stati usati dagli occupanti per la sistemazione delle loro truppe.

Precedentemente, il Gruppo per la tutela dei diritti umani di Khar’kiv (GPDU) ha scoperto, che l’87% delle scuole a Mariupol’ è stato distrutto o danneggiato in seguito all’aggressivo attacco russo alla città. In questa indagine, dimostriamo le conseguenze della guerra per gli istituti d’istruzione della regione di Khar’kiv.

Nel 2022, nella regione di Khar’kiv gli istituti di istruzione hanno sofferto così spesso per le azioni militari, che in media ogni giorno di guerra una scuola/un asilo o un altro oggetto veniva distrutto. Nei primi tre mesi di guerra, ogni giorno venivano distrutti come minimo due edifici di istituti di istruzione.

Nel complesso, nel periodo dal 24.02.2022 al 15.06.2023 sono stati documentati 374 casi di danneggiamenti di istituti di istruzione nella regione di Khar’kiv.

Ilustración: Sergiy Prytkin / Grupo de derechos humanos de Járkiv Illustration : Serhiy Pritkine / GDHK

Illustrazione: Serhej Prytkyn / GPDU

Le scuole

Prima abbiamo già spiegato, perché le scuole diventano così spesso bersagli per l’esercito russo: gli occupanti credono, che le scuole vengano usate dalle forze ucraine come quartier generale e senza esitazione vi puntano contro l’artiglieria e i missili.

Anche se in alcuni casi negli istituti di istruzione liberati dalla popolazione civile era effettivamente situato l’esercito ucraino, questo non può in alcun modo giustificare gli attacchi arbitrari e così massicci da parte dei russi.

Ilustración: Sergiy Prytkin / Grupo de derechos humanos de Járkiv Illustration : Serhiy Pritkine / GDHK

Illustrazione: Serhej Prytkyn / GPDU

Inoltre, spesso le stesse truppe di occupazione scelgono le scuole come basi. I documentaristi del Gruppo per la tutela dei diritti umani di Khar’kiv hanno scoperto tracce del posizionamento dei russi in una scuola nel villaggio di Vasylenkove: nel seminterrato si trovavano scatole e bossoli di munizioni sparate di artiglieria, nonché documenti d’acquisto per la parte militare russa. Sembra, che il battaglione d’artiglieria di una divisione russa si trovasse immediatamente nei pressi dell’edificio della scuola, attirando su di sé la risposta di fuoco da parte delle forze ucraine.

La scuola menzionata è considerata una delle più antiche nel distretto, è stata costruita più di 100 anni fa, nel 1911.

У школі розташовувалася база окупантів. © Денис Волоха В школе расположилась база оккупантов. © Денис Волоха

Nella scuola si trovava la base degli occupanti. © Denys Volokha

Сліди окупантів у шкільному підвалі © Оксана Комарова Следы оккупантов в школьном подвале © Оксана Комарова

Tracce degli occupanti nel seminterrato della scuola © Oksana Komarova

Abbiamo scritto più in dettaglio sui casi di allestimento delle scuole come oggetti militari in una pubblicazione sugli scudi umani.

Uno degli episodi più noti delle battaglie per Khar’kiv è l’occupazione da parte dei russi della scuola N°134 di Khar’kiv. Il 27.02.2022 un gruppo di soldati russi che, sembra, appartenessero al reparto speciale del Direttorato generale di ricognizione militare, si siano fatti strada in città su diversi blindati “Tigre”. I russi si sono barricati nel locale della scuola N°134 su via Shevchenko, che è una delle principali strade di Khar’kiv. Come ricordano dei combattenti ucraini, che hanno partecipato alla battaglia, i russi erano ben preparati sia organizzativamente, che psicologicamente. Quindi, probabilmente, l’occupazione della scuola era parte dell’operazione speciale per prendere il controllo di una città chiave ucraina.

Essendosi imbattuti nell’intensa resistenza di diverse divisioni ucraine, i russi sono stati accerchiati e, alla fine, sono morti in una battaglia di molte ore (fatta eccezione per due fatti prigionieri). Dopo questo episodio, l’esercito russo non ha avuto avanzamenti riusciti all’interno di Khar’kiv, ma continuavano a bombardare continuamente la città.

© Жером Барбоса © Жером Барбоса

© Zherom Barbosa

Altre scuole hanno subito regolarmente intensi bombardamenti. Ad esempio, nell’estate del 2022, il Ginnasio Lomonosov N°46 di Khar’kiv è stato oggetto di un attacco missilistico. La parte principale dell’edificio è stata completamente distrutta.

Харківська гімназія №46 імені М. В. Ломоносова. © ХПГ Харьковская гимназия №46 имени М. В. Ломоносова. © ХПГ

Il Ginnasio M. V. Lomonosov N°46 di Khar’kiv. © GPDU

© ХПГ © ХПГ

© GPDU

Molto spesso nelle scuole della regione di Khar’kiv studiano bambini di diversi centri abitati di una comunità. La distruzione di queste scuole complica in modo determinante l’accesso all’istruzione di base per molti bambini che, in conclusione, può riflettersi negativamente sullo sviluppo della regione.

Può servire da esempio il liceo di Cherkas’ka Lozova, che è uno dei due istituti di istruzione secondaria nella comunità di Malodanylivs’ka. Al 1° gennaio 2020, la popolazione della comunità era di 13.356 persone. Nelle foto dal drone si può vedere cosa è rimasto di questo liceo.

Черкаськолозівський ліцей. © ХПГ Черкассколозовской лицей. © ХПГ

Il liceo di Cherkas’ka Lozova © GPDU

Черкаськолозівський ліцей. © ХПГ Черкассколозовской лицей. © ХПГ

Il liceo di Cherkas’ka Lozova © GPDU

Secondo i dati della Base elettronica unica statale sulle questioni dell’istruzione (BEUSQI), nella regione di Khar’kiv si trovano 818 scuole. Così, durante la guerra, il 30% di esse è stato completamente distrutto o danneggiato.

Le università

Poiché le università sono situate principalmente nel centro della regione, che i russi non sono riusciti ad occupare, in tutti gli episodi documentati gli edifici delle università hanno sofferto a causa dei bombardamenti e dei colpi missilistici.

La mattina del 5 febbraio 2023, le Forze Armate della FR hanno colpito Khar’kiv, a causa di ciò è stato danneggiato l’edificio dell’Università di Economia Urbana — Beketov. Non è stato il primo attacco a questo istituto, ma nei casi precedenti gli edifici non hanno subito danni considerevoli.

Харківський національний університет міського господарства імені О. М. Бекетова. Джерело світлини: telegraf.com.ua Харьковский национальный университет городского хозяйства имени О.М. Бекетова. Источник фотографии: telegraf.com.ua

L’Università Nazionale di Economia Urbana - A. M. Beketov di Khar’kiv. Fonte della fotografia: telegraf.com.ua

Nel marzo del 2022, i soldati russi hanno attaccato dal BM-21 “Grad” il territorio dell’Istituto di Fisica e Tecnologia di Khar’kiv. Proprio nel territorio di questo centro scientifico si trova l’impianto di ricerca nucleare “Origine dei neutroni”. Durante il bombardamento, nella zona attiva dell’impianto sono stati caricate 37 pile a combustibile nucleare. Nel corso del 2022, l’oggetto ha subito ripetutamente bombardamenti da parte dell’esercito della Russia.

La propaganda russa già all’inizio di marzo ha dichiarato, che il reattore sarebbe stato minato dalla parte ucraina, senza presentare alcuna conferma. È evidente, che in caso di danneggiamento dell’oggetto nucleare, i russi intendono accusare gli ucraini, il che costituisce la loro tattica standard.

L’impianto di ricerca “Origine dei neutroni” è stato costruito con il sostegno degli Stati Uniti in cambio della rinuncia dell’Ucraina all’uranio altamente arricchito che, secondo l’accordo, è stato consegnato alla Russia. L’avvio dell’impianto è avvenuto nel 2021, un mese prima dell’invasione su vasta scala.

Харківський фізико-технічний інститут Харьковский физико-технический институт

L’Istituto di Fisica e Tecnologia di Khar’kiv

Гендиректор Фізтеху Микола Шульга стоїть поруч з приміщенням Джерела нейтронів. Світлина: Сашко Бринза / Mediaport Гендиректор Физтеха Николай Шульга стоит рядом с помещением Источника нейтронов. Фото: Сашко Брынза / Mediaport

Il Direttore Generale dell’Istituto di Fisica e Tecnologia di Khar’kiv, Nykolaj Shul’ha, accanto al locale dell’Origine dei neutroni. Foto: Sashko Brynza / Mediaport

L’Istituto Politecnico di Khar’kiv è stato ripetutamente oggetto di attacchi. Il 22 giugno 2022, l’impianto sportivo “Polytekhnyk” è stato parzialmente distrutto da due missili. Due mesi dopo, un missile ha colpito l’edificio scolastico U4: è morta una guardia del campus.

Спорткомплекс ХПІ після ракетної атаки. © ХПГ Спорткомплекс ХПИ после ракетной атаки. © ХПГ

L’impianto sportivo del IPK dopo l’attacco missilistico © GPDU

© ХПГ © ХПГ

© GPDU

A causa dei bombardamenti della città, la Biblioteca Scientifica Statale di Khar’kiv — Korolenko ha subito danni. Il progetto dell’edificio è stato realizzato dal famoso architetto Aleksej Beketov, e la stessa biblioteca si trova in questo locale dal 1901. L’edificio della biblioteca è stato riconosciuto monumento architettonico della fine del XIX secolo e dell’inizio del XX secolo.

Харківська державна наукова бібліотека імені В. Г. Короленка. Джерело фото: Суспільне Харьковская государственная научная библиотека имени В.Г. Короленко. Источник фото: Суспільне

La Biblioteca Scientifica Statale di Khar’kiv - V. H. Korolenko. Fonte della foto: Suspil’ne

“In tutto l’edificio è stata distrutta una parte considerevole di finestre, è stato quasi distrutto il lucernario sull’atrio, che adornava il tetto della biblioteca. Anche le porte interne si sono rotte per le numerose onde delle esplosioni, per i continui bombardamenti le pareti nelle stanze di lavoro hanno iniziato a cadere. Le facciate dell’edificio sono state danneggiate. E la questione più dolorosa — il sistema di riscaldamento della biblioteca è stato distrutto”, — ha commentato i danni il direttore della biblioteca Natal’ya Petrenko.

Sull’apposito sito del Ministero della Cultura continua la raccolta di denaro per il restauro della biblioteca Korolenko.

© Суспільне © Суспільне

© Suspil’ne

Istituti di istruzione prescolare

Come nel caso degli istituti di istruzione superiore, gli asili a Khar’kiv hanno sofferto a causa degli attacchi missilistici e degli aerei dell’esercito russo.

Nella foto in basso è possibile vedere le rovine dell’asilo N°109 a Saltivka Settentrionale — il quartiere della città più devastato dalla guerra: i quartieri residenziali sono stati regolarmente bombardati durante l’occupazione della regione di Khar’kiv.

Ясла-садок №109 м. Харкова © ХПГ Ясли-садик №109 г. Харьков © ХПГ

L’asilo N°109 di Khar’kiv © GPDU

Come nel caso delle scuole, la distruzione degli asili nella regione di Khar’kiv, in alcuni casi crea un problema considerevole per lo sviluppo dei bambini, poiché a volte gli asili distrutti sono gli unici in tutto il centro abitato.

Дитячий садок у Слобожанському (Липецька громада Харківщини). © ХПГ Детский сад в Слобожанском (Липецкая община Харьковщины). © ХПГ

Asilo a Slobozhans’ke (comunità di Lipeck della regione di Khar’kiv). © GPDU

Nel corso degli ultimi anni in Ucraina è stata attuata la riforma del sistema amministrativo e dell’amministrazione locale, in seguito alla quale gli organi dell’autorità locali hanno ottenuto deleghe più ampie. L’educazione dei bambini è la priorità per i residenti dei villaggi e delle piccole città, per questo spesso gli organi locali hanno deciso di investire denaro nella ricostruzione di scuole e asili. Come finanziamento congiunto, in questo sono stati coinvolti fondi nazionali e donatori stranieri, perciò molte scuole della regione di Khar’kiv sono state restaurate e rinnovate non molto tempo prima dell’invasione russa.

Per questo le distruzioni degli istituti di istruzione, in particolare nella provincia, sono ancora più dolorose per i residenti locali: hanno perso la possibilità di istruire i bambini nelle vicinanze — a scuola o all’asilo, la cui ricostruzione poteva essere la più grande fonte di spese della comunità in uno degli anni precedenti.

Le scuole e gli altri istituti di istruzione e scientifici sono oggetti “protetti” nel diritto umanitario internazionale. L’attacco deliberato a tali istituti, a condizione che non siano un obiettivo militare, costituisce un crimine di guerra.

Appendici. Nel corso della preparazione dell’inchiesta, abbiamo inviato una richiesta all’Amministrazione Regionale di Khar’kiv e abbiamo ricevuto i dati ufficiali sulla distruzione degli istituti di istruzione.

Dati dell’Amministrazione Statale Regionale (ASR) di Khar’kiv al 24.05.2023

 

Distrutto

Danneggiato
Asili

19

246

Scuole

45

290

Università  

22

Condividere l'articolo